economia dello spazio

ECONOMIA SPAZIALE

UN SETTORE INNOVATIVO, PER MOLTI IL FUTURO DELL’ECONOMIA

Questo “nuovo” settore ha moltissimi sbocchi e potenzialità, dagli investimenti in borsa alle nuove frontiere economiche, dai settori privati turistici a quelli industriali e le naturali ricadute positive su tutte le industrie collegate, fino alla ricerca e sviluppo ed ovviamente alla formazione e preparazione di specialisti, tecnici e ricercatori e molti altri ancora.

Partiamo dal turismo spaziale: al momento abbiamo principalmente tre possibilità, portare i privati in voli panoramici fino a vere e proprie esperienze di viaggio dalla durata di più giorni. Come precursori di questa nuova attività economica troviamo Richard Branson (volo effettuato l’11 luglio), Jeff Bezos (volo in programma il 20 luglio) ed Elon Musk.

Vì è inoltre la volontà di creare un campo base lunare, che darebbe il via alla colonizzazione extra planetaria, questo per svariati motivi, tra cui:

  • Mining di materiali, ovvero lo stoccaggio di risorse minerarie;
  • Usare il suolo lunare come base di lancio per missioni nello spazio profondo, andando a semplificare e rendere più efficiente il lancio;
  • Luogo in cui effettuare varie ricerche scientifiche e sperimentazioni con conseguente miglioramento delle conoscenze scientifiche;
  • Inizio di una colonizzazione extra planetaria, effettuando una serie di test e prove fondamentali in preparazione per allagarsi poi su Marte ed altri pianeti;

Come si può immaginare il settore spaziale diventerà sempre più trainante per l’Industria creando sempre più posti di lavoro in diversi campi industriali e tecnico-scientifici, basti pensare ai fisici, gli ingegneri dei diversi settori, i tecnici, gli scienziati, i programmatori ed ovviamente gli astronauti, così come molte altre figure correlate.

Infatti verranno coinvolti diversi campi industriali, pensiamo per esempio alla progettazione dei razzi, la loro realizzazione, la creazione di propellenti sempre più efficienti e green (quindi anche lato chimico), ma anche campi come la robotica sono da sempre essenziali e lo saranno ancora di più settori come le comunicazioni, essenziali tra Luna, Spazio e Terra, l’uso dell’intelligenza artificiale, l’industria sia leggera che pesante, la chimica dei materiali, l’uso della IOT, del 5G, le telecomunicazioni, impianti GPS, ma anche servizi come cloud e applicativi della blockchain saranno funzionali.

Questi sono solamente alcuni esempi, basti pensare a tutte le funzioni biologiche dell’uomo, che dovrà ovviamente nutrirsi e, per essere meno dipendente dai rifornimenti terrestri, si dovranno creare delle culture in serra.. Senza tralasciare il fatto che si dovranno schermare edifici vari dalle radiazioni e dai micro meteoriti (magari ci sarà un servizio meteo che invece che la pioggia prevedrà la pioggia di meteoriti, per sapere se si potrà fare una passeggiata lunare o meno), pensare ad eventuali riparazioni, vari sistemi di sicurezza e molto altro ancora. Tornando brevemente al discorso lunare rendere autosufficiente un luogo poco ospitale come la Luna non sarà semplice, ma siamo molto vicini a realizzarlo (nella conferenza presentata dal sole24ore a cui ho partecipato si parlava del 2024/2025).

Altri campi di interesse sono ovviamente gli impieghi militari, aspetto su cui preferirei sorvolare per evitare speculazioni.

Tornando ad aspetti più interessanti parliamo ovviamente ancora di esplorazione, osservazione dello spazio ma anche della Terra, che vanno a toccare aspetti come il trasporto, lo screening, il GPS e molto altro.

Un ultimo aspetto fondamentale dell’economia spaziale, non per importanza, che ha già una forte ricaduta funzionale ed economica, riguarda la costellazioni di satelliti (utile anche per Starlink).

Perché sì, i satelliti ormai da svariati anni ci aiutano in davvero moltissimi campi, dalla difesa alla sicurezza, dalla meteorologia all’agricoltura, dalla geolocalizzazione alle telecomunicazioni. Insomma le applicazioni e i servizi dell’industria, così come nella vita quotidiana sulla terra, sono innumerevoli (senza i satelliti non avremmo Pokemon go, le APP che tracciano i tuoi Km percorsi, il navigatore satellitare etc ma anche servizi più serie come vedremo a breve).

È importante notare come l’osservazione della terra si espande a tanti altri settori, pensiamo alle tematiche ambientali o all’uso che ne fa Emergency: per catastrofi naturali e pandemie (Covid). Questa tecnologia permette di controllare cosa è successo in un certo territorio, che sia per un aspetto ambientale, per l’inquinamento, lo stato delle coste, l’inquinamento dell’aria e l’analisi generale della climatologia.

Infine altri due esempi pratici poco conosciuti:

Il settore agricolo può beneficiare enormemente dallo screening satellitare, andando a diminuire l’uso di pesticidi, sondare l’umidità terreno, migliorare l’efficienza idrica oltre che in generale avere uno screening e monitoraggio dei parametri ambientali.

Infine, come ultimo esempi applicativo, pensiamo a coloro che si occupano dell’installazione della fibra ottica, dove possono osservare lo stato di avanzamento dei cantieri, avere maggiori possibilità di screening e controllo per una maggiore efficienza dei lavori e sulla costruzione della rete, dove effettuare gli scavi ed eventualmente riorganizzazione le risorse in caso di guasti.

Per concludere possiamo affermare che questa “nuova frontiera”, senza dubbio molto interessante, lo è anche se si parla di investimenti: si tratta di un investimento che per ogni euro ne tornano 6 (dato comunicato che rappresenta la stima dell’investimento istituzionale Italiano).

FONTI e approfondimenti:

https://streamingevent.ilsole24ore.com/space-economy

https://www.governo.it/sites/governo.it/files/PNRR.pdf

https://www.asi.it/space-economy/

https://www.mise.gov.it/index.php/it/impresa/competitivita-e-nuove-imprese/space-economy

https://www.corrierecomunicazioni.it/space-economy/space-economy-business-da-1-trilione-di-dollari-italia-in-pole-position/

https://www.altecspace.it/

https://www.telespazio.com/it/home

https://www.nationalgeographic.it/spazio/2021/07/il-successo-del-volo-della-virgin-galactic-e-il-futuro-del-turismo-spaziale

https://www.avio.com/

https://www.esa.int/

https://www.nasa.gov/

https://it.wikipedia.org/wiki/Vega_(lanciatore)

https://www.copernicus.eu/it

2 thoughts on “ECONOMIA SPAZIALE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *